venerdì 28 luglio 2017

E State#fermimmagini 1

Così, siamo in vacanza. Tra le granite e le granate, come canta il pargolo, 
E-ssstate. Che poi, stare in vacanza e cantare Gabbani è un vero e proprio affronto al sacro dio delle ferie. 


Comunque, noi stiamo in Sicilia e ci stiamo come dei pascià in un giardino dell'eden, di macellerie nei musei non ne abbiamo ancora viste e se la spiaggia è arroventata ci andiamo a rinfrescare nelle cristalline e spumeggianti acque del lido di Mortelle.

È uno di quei periodi immersi nel piattume. Scrittorialmente parlando, ovvio. Da un pezzo mi pare di non avere niente da dire, niente da raccontare. In compenso sono presa da alcuni insignificanti dettagli del mondo. Adesso che mi sono scrollata di dosso il tran tran della routine capitolina, ad esempio, osservo inebetita le sfumature cangianti del cielo, il dondolio della costa sotto il peso delle barche appese, le pance serafiche dei pescatori che attendono movimenti di lenza, i segni che lasciano sulla pelle gli zaini carichi dei turisti che si fermano ad osservare i cimeli di un palazzo qualunque che nessuno vede più.

In questo periodo faccio anche liste inutili di tutte le cose che più detesto e di quelle che invece mi piacciono, persino in vacanza. Per dirne alcune, detesto il dentifricio che rimane attaccato al lavandino dopo che ci si è lavati i denti, detesto il cibo se non è caldo caldo o freddo o freddo, detesto chi ti racconta lo stesso fatto per due o più volte con la stessa enfasi e ricorrendo agli stessi aggettivi o addirittura alle medesime parole, detesto Gabbani ma pure Rovazzi.

Mi piace bere acqua frizzante dopo aver mangiato un ghiacciolo alla menta, mi piace la crosta bruciata della pasta al forno, mi piace passare in rassegna tutti i titoli dei romanzi che non ho ancora letto, mi piace ascoltare Noël aux Balkans mentre guardo il mare.

E nel frattempo che vago nel limbo quisquilioso della nullaggine, mi do alla fotografia.

Fermo immagini e do loro forma e consistenza di ricordi così come innanzitutto li vedo con gli occhi del mio sfrenato sentimentalismo. 

E da qui che parte il mio progetto E State (fermimmagini), un pò per sfatare il senso del tormentone che mi perseguita da un paio di mesi a questa parte, un pò per dire ai ricordi: voi state come state ma io vi do il gusto delle emozioni del momento. 

Esistono forse emozioni più sfavillanti e libere di quelle che vorticano durante la pausa vacanziera?

Inizio con Bagheria, che di primo acchito ha ben poco di quella Baarìa antica che così splendidamente ha narrato Tornatore. Ma è solo un’impressione fuorviante. Esattamente come ha detto il Maestro:

 “Baarìa è un suono antico, una formula magica, una chiave.”

Bagheria, Luglio 2017
Testo aggiunto tratto da "Dalla pace del mare lontano"
di S.Cammariere

20 commenti:

  1. Bel post e scritto magnificamente, complimenti.
    Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa, sei sempre tanto gentile :****
      Una buona serata

      Elimina
    2. Lo penso anch'io che ho iniziato a seguirti oggi, perché sei una donna, perché ami Oscar Wilde, perché credi nel potere salvifico dei sogni, dei libri, delle cose che danno un senso al tutto. D'estate ho avuto un tragico incidente a cui sono sopravvissuta e dopo anni, d'estate ho scritto Un record... d'amore, dedicato alla resilienza, alla capacità di resistere, alla forza dell'amore, al potere dell'autostima. Lieta di essere giunta in un posto bello come questo!

      Elimina
    3. Lieta di averti qui, Tania. Veramente, Benvenuta! Grazie di cuore per le magnifiche parole, vorrò di certo approfondire la nostra conoscenza. Dunque, a presto :)

      Elimina
  2. L'estate è la stagione più ipocrita e stupida dell'anno: un po' di sole e tutti devono esibire felicità non autentiche e cultura di infimo livello, alla Gabbani.
    Attendo le tue fotografie.
    Un abbraccio, Franny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca! Diciamo che l'estate a me mi sfianca sopratutto per il caldo... ehehheehehe... È comunque vero che l'ostentazione è oramai elemento predominante di tutte le stagioni 😩... Teniamoci l'autentico per quanto possibile e lasciamo da parte il resto ;)

      Un abbraccio!!!

      Elimina
  3. Buona estate!
    Caldo noia lentezza cicale e gelati... mare e canzoni brutte che ricorderemo con nostalgia tra qualche anno.

    Che bello quando ritorni a scrivere per noi.
    Ti abbraccio forte
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Franciiiii!!! Io vorrei tanto saper scattare foto come lo fai tu... 😋... Però giocare col telefonino e le app per le modifiche mi soddisfa molto in questo periodo.

      Che bello ritrovare te, mia cara! E in ogni occasione...

      Un mega super e caldo abbraccio ❤️

      Elimina
  4. Buona estate!
    Caldo noia lentezza cicale e gelati... mare e canzoni brutte che ricorderemo con nostalgia tra qualche anno.

    Che bello quando ritorni a scrivere per noi.
    Ti abbraccio forte
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. In primis bentornata! Il relax estivo è quasi un must. Il tuo post è fresco e si legge con piacere. Bella anche la tua idea e complimenti per lo scatto postato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniele! Io vado e vengo ma torno sempre... Qui che è un pò il mio porto e lì dove trovo perle che scuotono il mio animo.
      A presto e buona estate :***

      Elimina
  7. Adoro l'estate, mi fa cantare le canzoni di Gabbani e la mia felicità è autentica. Ciao buona estate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verbena cara, ed io mi stringo forte la tua autentica felicità, io che sono una sostenitrice accanita delle felicità autentiche in cui fermamente credo :))
      A me il caldo estivo mi fiacca parecchio ma almeno posso godermi la famiglia appieno. E poi, come ho detto, i miei gnomi sono strasuperfelici di cantare Gabbani e pure Rovazzi, solo che lo fanno dalla mattina alle sera... ho sviluppato un'intolleranza cronica ormai 😆😆😆😆, non tanto alle musiche che sono piacevoli quanto ai testi - soffro moltissimo di natura il deficit "cosa vuole dire quella data canzone" ehehehehheehehe

      Un abbraccio immenso <3

      Elimina
  8. Bella questa idea dei fermimmagini, il tuo sembra un quadro impressionista!
    E visto che sei in vena vacanziera/artistica e ti fai prendere dalle cose insignificanti... vieni a visitare la mia paginetta, http://elisabettagrafica.blogspot.it/2017/07/vorrei-ma-non-posto-top5summer2017.html .....sei chiamata a rapporto!!!! Un abbraccio grandissimo Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci verrò volentieri Eli! Posso mai saltare la classifica di questa calda estate!...
      Un abbraccio megagalattico mia cara :***

      Elimina
  9. E così sei già in vacanza. Beata te! In una terra che parla da sola, ed è solo da gustare. L'abbiamo girata tutta (la Sicilia) quando ero una bambina. Bella!
    Mi ricordo che portavo un pagliaccetto tutto colorato, e mi abbronzavo come una straniera. Ora neanche se piangi in cinese! Niente più melanina :(
    Buone vacanze carissima, e grazie per essere passata a salutarmi prima di tagliare la corda :D
    Un abbraccio!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì Marina, mi godo il lato positivo della disoccupataggine 😆😆😆... Passare da te è sempre meraviglioso! E attendo settembre per il portasigarette se ci riesci, sarà di certo un capolavoro! 😋
      Ti abbraccio mia adorata! 😘

      Elimina
  10. Siamo vicineeee sono tornata in Calabria dopo ben 4 anni!! Non riesco a sentirmi in vacanza per varie ragioni ma il mare e i tramonti in spiaggia compensano ogni problema!scriverai anche poco ma ogni volta lasci il segno..'ndi vidimu! Smack!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sereeeee! Passo in Calabria da nonna domenica. Se vieni verso la punta contattami, vai che magari riusciamo a carrambarci 😊😊😊😊😊...
      Scrivo veramente poco e non riesco mai a seguire tutto come vorrei, ma quando lo faccio lo faccio col cuore ❤️

      Elimina