venerdì 8 luglio 2016

COSEDIVACANZA #1

Di come le vacanze sognate 
si tramutarono in vacanze reali... 


E allora siamo in ferie. Ferie Ferie, di quelle con la F maiuscola. Le ho immaginate tanto, queste Ferie. Desiderate, programmate, pianificate fin nel più piccolo dettaglio, con tutti i pronostici a favore nostro: mio e del Consorte, ovviamente.

Nel sogno che proiettavo ininterrottamente fino a qualche giorno fa, durante la resistenza della guerra quotidiana corriamo-adesso-che tanto-dopo-andiamo-in-vacanza, le cose procedevano in sintesi così:

- Bambini con i nonni h24;

- Bambini e nonni h24 sorridenti e affiatati;

- Sonni ristoratori e sveglie non prima delle 9 antimeridiane;

- Colazioni consumate al bar con rivista a scelta e quotidiano annessi;

- Mare, sole;

- Salutari letture;

- Sole, mare;

- Letture salutari;

- Serate felici a due;

- Nonni e bambini entusiasti, sani e dimentichi di ogni altra richiesta di qualsivoglia genere;

Da 6 giorni siamo in vacanza, e le cose procedono in sintesi così:

- Bambini e nonni h24 avvinghiati ai sottoscritti come cozze allo scoglio;

- Bambini in lacrime h24 perché mamma e papà non si barattano neppure col padreterno, specie se il padreterno veste i panni di nonni perseguitati da strane ossessioni inconcepibili in vacanza; 

- Per essere più chiari, nonni h24 posseduti da una sorta di mania ossessiva compulsiva per l'ordine e la pulizia nonostante il soggiorno si svolga nella casa al mare, affittata per l’appunto per evitare sbattimenti che sarebbero stati la norma nella casa residenziale ; lava, stira, pulisci, riordina, riassetta, sei mica in ferie... 

- Dopo la prima disastrosa notte, camere da letto organizzate come da equazione:

[Little Princess nel lettone con la mamma]+[ Warrior Elf in cameretta con papà]+[Nonni felicemente sistemati in una zona tranquilla] = Ciao Ciao disperata speranza di sonni pacifici e ristoratori o favoleggianti illusioni di recuperare un minimo di parvenza di intimità coniugale anche solo condividendo lo stesso letto;

- Mare a gogo, con braccioli, ciambelle, secchielli, formine, protezioni cinquanta, e montate di guardia per evitare che Princess banchetti con innumerevoli porzioni di sabbia, sostenuta da Elf nell’impresa;

- Mare a gogo con sedute di ascolto di gruppo in acqua per confortare i nonni da questo o quell’acciacco o da questo o quel problema che ad una certa età va ad urtare sull’umore come l’iceberg sul Titanic in mezzo all’Oceano; 

- Sostenute letture di foglietti illustrativi elencanti composizioni di medicinali vari per l’infanzia, utili alla risoluzione di raffreddori estivi - ma il pediatra non aveva giurato che al mare sarebbero stati meglio? – e fortemente contestate dai nonni che da bravi salutisti sostengono che le medicine fanno male e che tocca somministrare anche ai pargoli l’aglio crudo, da loro ampiamente consumato per la gioia di qualsiasi interlocutore ;

- Serate romantiche a due per la caccia alle zanzare che - nonostante le folate di aglio - incredibilmente perseguitano le generazioni estreme risparmiando quella di mezzo; l’unica generazione che in pratica avrebbe sopportato senza battere ciglio e senza rendere partecipe l’intero vicinato con pianti, isterismi e minacce vocali agli insetti malefici;

- Richiesta costante del Perché. Perché è così difficile coordinare sempre tutto e tutti. Perché in tv o sui cartelloni pubblicitari le famiglie svolazzano come farfalle al sole armoniosamente compatte e sorridenti, con bambini che non sembrano belve e nonni che vanno di dentiera e tena pants ma non se ne curano neppure di striscio. Perché dopo un anno di fatica, è impossibile godersi mezzo pomeriggio di relax senza che a nessuno venga in mente di frantumarti le pazienze. Perché una volta andavamo al mare in trenta, dieci adulti e venti bambini, e tutto sembrava così lineare e semplice.

Forse perché a quel tempo la bambina ero io. E da bambini il mondo è sempre il posto meraviglioso che tutti desideriamo.

Perciò, non voglio arrendermi. Torno bambina, sfodero sorriso ed ottimismo, e vivo queste vacanze per come vengono. In fondo, siamo in Sicilia: ed è qui che le vacanze reali, spesso e contro ogni pronostico, superano di gran lunga le vacanze sognate.

Immagine da Internet





17 commenti:

  1. Bacio stella.
    tu chiamale se vuoi... vacanzeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bacio doppio, anzi triplo a te! Mia Patty adorata...

      Elimina
  2. la situazione descritta così ironicamente è proprio ridicola ma immaginolo stress ...
    sono sicura che riuscirete a trovare il giusto equilibrio .. ci vuole tanta tanta pazienza ... cerca di rilassarti ogni tanto ... il luogo ispira ... ma chi è quel puntolino in fondo?? l'omino dei gelati??? un ghiacciolo al tamarrindo per me ... un baciotto anzi no di più ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusina, il puntolino in fondo è l'ombrellone fisso di paglia del bagnino; almeno credo lo sia il fustaccione che a determinati orari si fa certe luuuuuuuuungheeeee dormite sotto!:DDDD
      Un ghiaccioloooo???? MA IO A TE TI DEDICO TUTTE LE GRANITE DELLA STAGIONE!!! Feagola, limone, caffè, mandorla, gelsi... E tanta tanta panna alla faccia della linea! <3 <3 <3

      Elimina
  3. Per comprendere una realtà bisogna viverla. Non è facile fare i nonni perché loro fino al termine dei loro giorni seguiteranno a sentirsi genitori.
    Ciao Regina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno diventeremo nonni pure noi, almeno spero.
      Un abbraccio, Gus.

      Elimina
  4. Mamma come ti capisco e ti sono vicina. Che quasi quasi sarebbe meglio stare soli con i bambini... però prendere il buono di quello che ci capita è sempre un buon esercizio ala santità ;-)
    Scherzi a parte forza e coraggio... approfitta di tutte le cose buone e belle che ci sono in Sicilia e buone vacanze... anche se invece del vuoto c'è un circo da governare.
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buono e il bello, sempre! è il mio esercizio quotidiano Francesca.
      Almeno ci provo... :P... Bevo pazienza e via.

      Un mare di baci e di abbracci!:*****

      Elimina
  5. ahahah cara virtual friend....è proprio così...l'anno scorso i due mesi estivi sono stati un incubo...quest'anno il mare me lo risparmio il più possibile e, anche se in campagna mi scartavetro le balle, w le colline e al massimo un salto in montagna in attesa di tempi migliori e più gestibili..sono tornata stanotte da Roma e oggi sarà il mio unico vero giorno di vacanza...A CASA MIA DA SOLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!! Bacio e positività!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AMIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIICAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA ma hai fatto l'esame???? sei una donna libera, finalmente?... è andato tutto a meraviglia????...
      AGGIORNAMIII!!!... E goditi le colline e la montagna che io A D O R O!!!!!... <3 <3 <3

      Elimina
  6. AAAAAAALT! Riconosci il posto e sono anch'io con il mio Cucciolo qui. CONTATTAMI e vediamo di organizzare un rendez-vous. Non mi vorrai sfuggire un'altra volta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ASSOLUTAMENTE NO!!!... ma io farò i salti di gioia se riusciremo a rendezvousarci!!!... corro a CONTATTARTI!!!... al massimo il peggio è che ti beccherai anche mia suocera che mi segue come un'ombra... ihihihihihihihhi

      Elimina
    2. p.s. sono ricorsa al modulo di contatto, nel caso l'email non giunga a destinazione, prova a contattarmi tu al mio ind. regina.zalieva@gmail.com

      A PREEEESTOOOOOOOOOOOOOOOOO ;))

      Elimina
  7. No... la suocera come un'ombra nooooo... io quando faccio 2 gg di vacanza con i nonni (e dico 2 gg, non di più!) scelgo mia mamma, almeno se la devo mandare xxgare lo faccio come si deve... lei e l'aglio, senza tanta diplomazia!!! :)
    Consuma per me una bella colazione al bar (se riesci, anche con pseudo-lettura del quotidiano)... ricordo ancora il tuo post dell'anno scorso con tutte quelle prelibatezze siciliane... ri-assaggiale tutte!!!!! Un mega abbraccio a tutti voi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Eli, ad agosto è il turno di mia madre... Non mi faccio mancare proprio nulla!... eheheheheheheh...
      Ad ogni prelibatezza ti penserò...

      Ti abbraccio fortissimoooooooooo!!! :***

      Elimina
  8. Al di là che le vacanze con i suoceri non sono minimamente contemplate ... e ho già espresso opinioni in merito altrove;
    al di là del fatto che le vacanze in compagnia sono state bandite ... ho fatto eccezione per due anni (le due estati scorse, per favorire la socializzazione e il divertimento della prole) e non ho la minima intenzione di replicare, perché è vero che il pargolo era uccel di bosco, ma i ritmi degli altri non sono i miei ritmi ed io in vacanza non voglio vincoli di sorta;
    al di là del fatto che le vacanze con la prole, triplicano la fatica e il lavoro;
    .... Regina, le vacanze sono vacanze (erano) quando si è in due ...
    ... o da soli ...
    Sei eroica!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trofeo d'eroe mi sa che l'ho già raggiunto...adesso vado per la santità!

      AMEN

      Elimina