domenica 31 gennaio 2016

L'uomo che cantava Dalla

 RACCONTO

MOMENTANEAMENTE 
ASSENTE 
PER ALTRO PROGETTO








Questo post partecipa 
alla Mutevole 
raccolta di Gennaio




37 commenti:

  1. Meraviglioso! Semplicemente.
    E mi hai fatto commuovere.
    Un abbraccio
    la effe

    RispondiElimina
  2. Regina. ..un nome non a caso....non so il tempo che tu abbia impiegato a scriverlo. .bagno..cucina. ..treno...ma ti assicuro che l ho letto d'un fiato. ..una storia travolgente. Vera.....ricca di passione. ..di sentimento. .. non sono brava a parlare seriamente. ...ma penso che solo chi possiede passione ..sentimenti. ..e grande ricchezza d'animo. ..possa scrivere. ..queste perle. ..sono onorata di poterti leggere
    .ora curo il ragù verrà un ragù favoloso perché ha sentito tutto. ..buona domenica Regina♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaahahah... Sei tu ad essere meravigliosa, Giusi!!! E sono io onorata che tu mi legga e sopratutto d'averti conosciuta... Tu che mi dai veramente tanto affetto e in una maniera speciale <3
      Sei una bellissima persona!

      Com'è venuto alla fine il ragù? :DDDD

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Bellissimo,Regina,grazie. Mi sono commossa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sapere che tu leggi i miei racconti, Dolcezze, mi fa un pó lo stesso effetto di quando consegnavo il compito in classe d'italiano... :-)... Certamente è perché sono a conoscenza del tuo nobile mestiere, e allora penso che ti salteranno agli occhi tutte le mostruosità verbali, di punteggiatura e cacofoniche di cui io mi accorgo solo dopo aver messo sul blog il racconto del caso... Specie da quando scrivo i racconti sul cellulare nei momenti liberi e poi me li mando via email e li pubblico senza quasi riguardare nulla (il tempo è tiranno! Ormai solo nelle ore notturne sotto effetto sfattume riesco a fare qualcosa di mio :)))...

      Quindi, per concludere, il fatto che tu trovi il mio racconto bello, mi rende triplamente felice!

      Grazie!

      Regina

      Elimina
    2. lussurioso <3 come doveva venire ??

      Elimina
    3. beh vabbè ho risposto una riga dopo ahahahah

      Elimina
  5. Sono senza parole e senza fiato REgina! Stupendo! Ed è poco!
    Che enozione! Quanto sentimentoo! Quanto amore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty! Tu sei sempre troppo buona :****

      Elimina
  6. Commovente, semplice e vero. Bello della bellezza dei sentimenti, della musica e delle parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onorata che tu mi abbia letto e felice d'averti qui, Stefano. Seguiró il
      consiglio di Patricia e verró sicuramente e con piacere a scoprire i tuoi racconti... :)) Non so se s'è capito, ma ho un debole per gli scritti e per chi scrive... :)

      Buona serata,

      Regina

      Elimina
  7. E se te lo dice STefano Zingone, credici pure!!!
    Se non lo conosci vai sul suo profilo e leggi i suoi racconti, Sono favolosi!

    RispondiElimina
  8. Sto piangendo come una fontana, accidenti a te, Regina!!!
    E non riesco a dire altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Squitty, dimmi solo che non hai pianto solo di trostezza... ma anche un pochino di emozione... :))

      Io mi sono molto emozionata a scrivere di Romano e Paola...

      Un bacione!

      Regina

      Elimina
    2. Niente tristezza. Solo ed esclusivamente per l'emozione.
      Forte, intensa, che mi ha colpito allo stomaco.
      Ci sono storie che rimangono sospese ... per anni ... e avrebbero diritto di vivere.
      La paura ... questa maledetta ...

      Elimina
  9. Regina.... Mi inchino davanti a chi è capace di scrivere parole con questa forza e questo pathos... Con queste vibranti emozioni così reali... Come se le stessi vivendo... Un pugno in pieno stomaco Regina... Questa volta il fiato me lo hai proprio tolto... Penso di essere rimasto un paio di minuti senza respirare... Meravigliosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come se le stessi vivendo ... ecco, lo hai detto...

      Elimina
    2. E certo che ricevere un pugno allo stomaco praticamente in contemporanea ... un bacio, Lupo!

      Elimina

    3. @Fede @Lupo
      Bene, sono contenta d'avervi colpito entrambi allo stomaco... In senso buono, ovviamente :)) Mentre scrivevo di questi due, io sentivo un sentimento forte, una vibrazione come di fuoco denso, qui, al centro del petto... Desideravo ardentemente riuscire a trasmettere questo tramite le parole... :) Romano e Paola li ho amati intensamente, perché sono spuntati a sorpresa dalla mia penna ma io li ho sentiti da subito veri, tremendamente fragili ma tanto veri... E allora sono contenta che anche a voi abbiano fatto lo stesso effetto... :)

      Grazie a entrambi! :***

      Regina

      Elimina
    4. Regina .... questa vibrazione è arrivata in tutta la sua forza.
      Ha colpito forte, come solo le vere emozioni sanno fare.
      Hai tanto da dare dentro di te, cara amica: un fiume di parole, di sentimenti, di belle storie.
      Invidio la tua capacità nel mettere insieme la parole, nel creare immagini, di donarci suggestioni.
      E ci sarebbe così tanto da scrivere su questa storia ...
      ... ma prima faccio colazione!

      Elimina
  10. Avevo sbirciato il titolo quando lo hai pubblicato e già quello mi aveva colpito, amo Dalla, lui fa un po' parte della mia generazione, ma il tempo è infingardo, le lancette corrono inesorabili, così mi ero ripromessa di ripassare con calma ed ora eccomi qua.
    L'ho letto.
    Sono senza parole... mi viene solo da ripetere una parola Bello, bello, bello...
    Ora smetto di ripeterlo, mi vesto e riprendo il tran tran quotidiano di sempre.
    Ma tu non smettere di scrivere, raccontare emozioni, vita che si palpa e comprende, che ti lascia la pelle d'oca, perché lo sai fare.
    Buona giornata Regina ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo con immenso ritardo, Anna Maria... Grazie di cuore! fosse per me scriverei sempre, ma il tempo è infingardo pure con me :P...
      Grazie, grazie per le belle parole.. e buon inizio settimana,

      Regina

      Elimina
  11. Grazie, grazie, grazie...io di solito non riesco a leggere niente, mi annoio subito, ma tu mi prendi e mi trattieni e mi incuriosisci e mi fai sognare, immaginare, mi fai venire voglia di sapere come va a finire e mi stupisci ogni volta e non dovrei stupirmi ormai ahahaha
    Grazie per donarci parte di te, non posso far altro che abbracciarti virtualmente e davvero grazie per queste righe stupende.
    Le lacrime fanno parte del pacchetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosalba, tu sei una gioia immensa per la sottoscritta, perchè se sul serio riesco a farti questo effetto, cosa posso chiedere di più??? Giuro che scriverei solo e soltanto per te... :)))

      Mi prendo il tuo abbraccio, tutto tutto, e me lo stringo! che in questo periodo ne ho veramente bisogno...

      Buon inizio settimana,

      Regina

      Elimina
  12. emozione allo stato puro! Regina sei una una dea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me la Dea sei tu, Maria :)) dobbiamo metterci d'accordo! :DDD

      Buon inizio settimana,

      Regina :***

      Elimina
  13. Regina...stavolta ti sei superata..davvero. .è bellissimo...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena! spero che tutto proceda per il meglio.. :***

      Elimina
  14. Non riesco a rispondere sopra, e quindi qui non c'entra niente, comunque...Onorata della tua stima, ma tu sei VERAMENTE brava. Qui non si tratta solo di ortografia e sintassi...qui si parla di emozioni comunicate con un'intensità talmente forte da lasciare spiazzati. Chapeau!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, grazie.. sono arrossita, Dolcezze... :)))..forse perchè non ho mai VERAMENTE creduto che la mia scrittura andasse oltre il piacere di emozionare un pochino me... :))

      Buon lunedì!

      Elimina
  15. (R)egina carissima...

    Ho avuto modo di leggere solo ora il tuo meraviglioso racconto.
    La scrittura, certa scrittura, è davvero catartica...

    Al di là della bellezza stilistica e di taluni espedienti narrativi, credo che il filo portante della storia non sia affatto inverosimile... Chissà quanta gente, nel silenzio più assordante, ci si ritrova a far conto nel buio della notte.
    E a riflettere sul "come sarebbe stato, se...".

    In ogni modo, l'importante (ai nostri fini) è parlare di ciò che ci tocca e ci emoziona. E il tuo racconto è emozione pura. Come la purezza di quel legame unico tra Paola e Romano, così unico da esser costretto a pensare già "al dopo"; In un'altra vita dove le debolezze dell'uno valgano come certezze per l'altra.

    Concludo con un sorriso, e ti lascio con un quesito:
    Non sarebbe tutto più semplice se le donne sposate (invece di andare nelle case degli scapoli) andassero nelle case di uomini sposati ?

    Ai posteri... ;-)


    Il mio (A)bbraccio sincero: Buonissima settimana, Amica mia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto sorridere, caro Massimiliano :))... A parte la gioia per il semplice fatto che ancora una volta tu abbia trovato il tempo per leggermi. Grazie!:))...
      Rispetto al quesito, bè ho una mia convinzione profonda, retaggio forse dell'educazione terronica alquanto improntata sulla sacralità del matrimonio: credo che sarebbe tutto più semplice se le donne sposate se ne stessero nelle loro case con i mariti che hanno scelto, ci si augura, dietro impulso del cuore, e che le medesime si spostassero in dimore altrui solo dopo aver tirato fuori il coraggio ed aver azzerato il legame esistente e soprattutto dopo essersi accertate di non calpestare i calli ad altre ignare mogli che ancora devono azzerare... : ))

      Suppongo tuttavia che non sia mai andata e che mai è andrà così. Come diceva quella pubblicità che citava pressappoco l’elogio di Erasmo?

      "Osservate con quanta previdenza la Natura, Madre del genere umano, ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia.
      Infuse nell'uomo più passione che ragione, perché fosse tutto meno triste.
      Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe.
      Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati, godrebbero felici di un'eterna giovinezza.
      La vita umana non è altro che un gioco della follia.
      Il cuore ha sempre ragione."

      Il cuore ha sempre ragione. Ed io ci credo.

      Buon Lunedì, caro Amico! :)

      Regina

      Elimina
    2. E ci credo pure io, Regina!!!
      Eccome se ci credo!

      Elimina