giovedì 14 gennaio 2016

Dai miei pensieri MUTEVOLMENTE sparsi

Me lo sono chiesta, negli ultimi giorni.

Cosa in realtà significasse Mutare, cosa volesse dire Mutazione. In testa mi balenava un progetto diverso; simpatico, produttivo, divertente, una cosa più da Regina. 
Ma poi, sono giorni così complessi, così ricchi di cambiamenti, così pressanti. Giorni che reclamano a gran voce una mutazione; in velocità, forse, ma senza rimandi. 

Urge mutare.

Siamo un continuo divenire. Chi può vantare una definibile e rassicurante staticità? Ciascuno muta ad ogni istante di respiro: mutiamo nel sangue, nel corpo, nella mente. Mutiamo soprattutto nello spirito. Siamo spirito in continuo movimento, che prende forma in base agli amori, alle pulsioni, alla forza intrinseca che spinge il nostro essere.

Mutiamo e mutiamo. Dolorosamente, a volte. Spesso. 
Attendiamo movenze ed energie a mutare, dagli altri, movenze ed energie che nella maggior parte dei casi non arrivano. Ci rispecchiamo negli altri, cercando negli altri la nostra mutazione: ma non sono gli altri a raccogliere i pezzi di pelle che cangiamo, non è compito loro. E camminiamo sbrindellati e ansanti, fin quando una mano non passa per caso e scrolla via i restanti lembi di vecchio, di sconcio, di superfluo.

Ci siamo accorti che siamo mutati?

Può darsi. Ma c’è sempre quella massiccia dose di forza da investire nel nuovo inizio: perché mutare preclude anche un cambiamento, una nuova partenza: e ci vuole coraggio.

Mutiamo per riuscire ad assomigliare il più possibile a noi stessi: è questo il fine.

Possiedo una natura positiva, partorisco solo idee che seguono la strada del buono: del nero che diventa colorato, della sofferenza che muta in pace, in fortuna, in felicità.

Per cui, sbatterlo in faccia a chi non credeva ne fossimo capaci, il Mutamento. Tieni, prendilo e gustalo, il mio Mutare. Ogni essere umano, in quanto tale, possiede la naturale capacità di mutarsi, di migliorarsi, di rinvigorirsi, di alzarsi da qualsiasi pantano, di andare oltre qualsiasi estrazione sociale, qualsiasi etichetta, qualsiasi legame: chi diavolo credevi di essere, Tu, per dire a me che io non sarei mai stato in grado di mutare, di rinascere a nuova vita?

Siamo essenza che muta. Siamo forma da contenere. Siamo lettere di un alfabeto animato che ci racconta in storia. Sarà per questo che amo di passione pura le lettere, così elastiche, così clementi, così contenitive. Le lettere accolgono le mie mutazioni; sempre. 
Io muto attraverso le lettere. Anche adesso, che scrivo di volata per il tempo di un caffè, in una grigia mattinata di vita vorticosa che si incazza per questi istanti concessi al mio scrivere.

Ho di nuovo poco tempo, maledizione. 

Ma muto; e non posso negare i pensieri mutevolmente sparsi che premono per darmene segnale e per alleggerire il passo che arranca in questo spazio di tempo così veloce e pieno, eppure già mutato dai pensieri.



Questo post partecipa 
alla Mutevole 
raccolta di Gennaio


38 commenti:

  1. In questi tuoi pensieri estemporanei mi ritrovo molto, forse perché anch'io sono in un periodo di grande mutazione.
    Il tempo, sempre meno, ci costringe a mutare e finisce per essere l'unica vera costante delle nostre esistenze.
    Ben tornata Regina!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che grande verità, Marina: il tempo, che corre e corre, rimane l'unica vera costante della nostra esistenza.

      Tornata dal Natale, ma fatico ancora a prendere ritmo: dopo otto mesi di assenza da lavoro... l'è dura, come si suol dire :))... Questo il motivo del gran ritardo col quale rispondo ai vostri splendidi commenti...

      Un abbraccio grande,

      Regina

      Elimina
  2. Ciao gioia.
    Hai ragione! Ogni attimo di vita porta in sè un mutamento anche se non sempre ce ne rendiamo conto.
    Ci accorgiamo del mutamento solo quando è più ad ampio respiro perchè cose che fino a ieri ci andavano bene oggi ci stanno strette o antipatiche. Se non odiose.
    Il problema è che, se per noi, ci vuole un momento a prendere cognizione di questo nostro nuovo modo di essere e sentire, per gli altri, abituati a vederci sempre e solo in un a determinata maniera, è destabilizzante.
    Gli altri, chiunque siano, danno per scontato tutto. Ci hanno conosciuto in una maniera e per loro è impensabile che improvvisamente un sì diventi un no, anche gentile. Non ci riconoscono più. E normalmente non apprezzano questo cambiamento perchè la forza dell'abitudine, il saper di poter sempre contare su di te, che tu ne abbia voglia o no, li manda in crisi.

    La cosa importante è che il cambiamento ci faccia stare bene. Siamo noi che dobbiamo sentirci meglio, più libere, più sicure, più decise... più tutto quello che vuoi tu.
    Gli altri... si adegueranno ad un certo punto.
    Bacio e bentornata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty, quanto hai ragione!... Un mutamento è molto destabilizzante, più per gli altri che quasi per la persona che ne prende atto.
      Io di mio, ho sempre avuto una grande qualità, che forse per gli altri è parecchio un difetto: non creo abitudini, non incentivo aspettative su routine o sicurezze emotive che mi riguardano, non riesco a metter su o a subire dipendenze affettive con e da parte di nessuno; che non significa non essere affettuosa o non prediligere l'affetto altrui, solo che, come dire, chi mi conosce, parlo anche delle persone piú vicine, mi vive come se mutassi di continuo, così quando muto sul serio, nessuno si destabilizza mai più di tanto ;))

      Perchè come dici tu, l'importante è stare bene con se stessi, solo cosi si starà bene anche con gli altri.

      Un abbraccio grande!

      Elimina
  3. Chi non muta e rimane sempre uguale a sé stesso prima o poi soccombe..soccombe la capacità di migliorare, di realizzare un desiderio, di scoprire il nuovo, di assomigliare a chi si è veramente. Mi ritrovo nei tuoi mutevoli pensieri come spesso accade :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena!...devo passare "da te", ardo dal desiderio di avere notizie sulla tua piccola nipotina, chissà se ne hai ancora parlato...

      A prestissimo!!

      Un forte abbraccio!

      Regina

      Elimina
    2. Eh sto un po ' latitando perché non sono nonna assistita al momento, gli inizi son duri e mia sorella ha bisogno di una mano..ma vi aggiorno presto! Un abbraccio cara

      Elimina
  4. Che bel post! Cambiare è essenziale, ma non sempre facile, almeno per me. Ci metto molto tempo a prepararmi al cambiamento, a maturarlo. E spesso non riesco a mutare in tempo utile.
    Un abbraccio
    la effe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peró quando muti, muti benissimo! :)) Vale la pena aspettare.

      Un abbraccio immenso,

      Regina

      Elimina
  5. Mi togli il fiato, quando ti leggo ti sento e le emozioni le sento sulla pelle accapponata. Sei incredibile Regina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io ti vorrei tutto il giorno con me Rosalba, pure piccola piccola nella borsa a dirmi tutte le cose belle che mi dici sempre tu! :)

      Specie di questi tempi che mi pare di non accontentare nessuno, e fosse per me passerei le giornate a scrivere :))

      Un grande abbraccio!!

      Regina

      Elimina
    2. Lo so che la vita ci impone i doveri e gli obblighi e alle volte sembra che non riusciamo a fare abbastanza per gli altri e figuriamoci ritagliare del tempo per il nostro benessere psichico, fai un lungo respiro e ricordati chi sei...in realtà io non ti conosco, non so niente di te ma quando ti leggo sento che sei trasparente, sincera, pulita sento che sei una bella persona, una di quelle da tenere di conto e non lo dico a tutti (anche Giusi mi fa questo effetto), forse per te un po di più solo a causa della tua giovane età.
      Ricordati sempre che sei una donna meravigliosa e che vali tantissimo. Ti mando un abbraccio forte forte.

      Elimina
    3. Grazie per il dono di queste splendide parole! :)

      Buonanotte Rosalba... <3

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so perchè non vedo il mio commento ... si è smarrito in giro per il web ...
      ora vedro' di riscrivere anche se ogni volta mi vengono parole nuove .... è vero quel che scrive Rosalba .. sai descrivere così bene questì stati d'animo...questi pensieri sparsi che sembrano radicati un po in ognuno di noi .. credo sia il bello della nostra vita ... cambiare , mutare ,adattarsi alle situazioni... il crescere ... assorbendo facendo nostro qualsiasi cosa di brutto o bello... di triste o allegro ... ieri diverso da oggi e anche di domani .... facendo del nostro meglio ... di come siamo capaci o come riusciremo ad imparare ancora ... ma tu sei già molto avanti ...sei tu. un abbraccio grande
      il mio commento oggi è diverso da quello di ieri sera .... bacio

      Elimina
    2. Anche a te ti vorrei sempre con me, Giusi. Così, tra te e Rosalba, camminerei a tre palmi da terra e chi si è visto si è visto... :))

      Ti voglio troppo bene!

      Una strapazzata di baci!

      Regina

      Elimina
  7. Cara Regina, mutare significa crescere, sempre e comunque. Perchè c'è sempre qualche cosa di nuovo da impararare, arricchirsi di conoscenza, capire e trovare soluzioni. Personalmente posso dirti che, avere un bimbo, mi ha cambiato molto. Ha fatto uscire il carattere che avevo dentro. La mutazione infatti è anche questo... scoprire lati di sè, conoscersi, tirare fuori quello che abbiamo avuto sempre nascosco, guardarsi dentro con coraggio... Oltre che accettare ed affrontare situazioni anche meno belle.
    Mi ritrovo molto nelle tue parole, questi pensieri sparsi sono un po' di tutti... un abbraccio Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisabetta, abbiamo vissuto la stessa esperienza: anche a me avere un bimbo mi ha cambiato veramente tanto, diciamo che mi ha molto placata: prima andavo a tremila...

      E vedrai come sarà averne due!!!

      Nota, nota con quanto ritardo sto rispondendo a questo tuo commento... Eheheheheh

      Un abbraccione!
      Regina

      P.s. Mi sono ripromessa di scriverti in privato per avere notizie su tutto il resto :)

      Elimina
  8. Molto belle le tue riflessioni sul crescere/mutare, visto come un processo continuo e solo a momenti realmente percepito consapevolmente.
    Buon week end e un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbraccio Gló!

      Devo fare un giro tra i vostri scaffali appena riesco, non oso pensare quante cose mi sono persa... :))

      Un abbraccio,

      Regina

      Elimina
  9. Reginaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, strepitoso ritorno il tuo!!!
    Guarda, sfondi una porta aperta, io sono in piena fase di cambiamento.
    Non avrei potuto esprimere meglio questi concetti.
    Condivido pienamente anche quanto dice Patricia nel commento. Anche in questo ci sono dentro in pieno con ciò che questo comporta.
    Grazie del prezioso contributo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede, sei dunque in piena mutazione e hai destabilizzato parecchia gente?
      Ricordati sempre la filosofia cardine: STICAZZI!. ;)
      L'imperativo è rimanere fedeli a se stessi, sempre.

      Abbraccione!

      Regina

      Elimina
    2. Si, molta, moltissima! A cominciare dal consorte!!!
      Ma appunto STICAZZI!!!!

      Elimina
    3. Ah! Col consorte devi andarci ancora più pesante!! Il consorte stronzo va sempre sticazzato ma anche sfnclto pesantemente!... Ne so qualcosa con mio padre... Noi siamo tutte con te, ovviamente. A prescindere da qualsiasi elemento ricognitivo ;))

      Elimina
    4. Ahahhahahaah, tranquilla, il consorte è stato massacrato, pure troppo in effetti.
      Il punto è che una si aspetta maggiore comprensione dalla persona che ha accanto, no? Più che altro .... ma certi concetti sono da spiegare ancora dopo 24 anni????
      Ecco ... diciamo che qualche gocciolina ha fatto trabordare il vaso.
      E io non ho mezze misure. Mai.
      Ahahhhahahahaa!

      Elimina
    5. Azz! Nn vi posso leggere, non vi devo leggere, se vi leggo rompo la ragnatela che tiene tutto...

      Elimina
    6. Fede, io ho un mio concetto personale dei rapporti sentimentali, ma è lunga da spiegarti e proviene dai retaggi femminili di famiglia: crescere tra donne che sopravvivevano ad uomini terribili e ottusi sarà pur servito a qualcosa... Fosse anche solo a farmi scegliere... Ma nella vita non si sa mai...

      Maria rompi!!...che le ragnatele è meglio levarle... Prima rompi, poi ricostruisci con più gioia e grinta... Io ci credo :))

      Elimina
    7. Ahahahaahah, io ho rotto ragnatele e fatto stragi di ragni.
      A 360° .... e ovviamente sono diventata la strega cattiva .....
      Regina .... parliamone .... apriamo un dibattito .... scriviamo per due anni di fila!!!

      Elimina
    8. I ragni sono fastidiosi, Fede... e ce ne sono alcuni pure pericolosi e radioattivi...quindi via via, bene hai fatto!! :)) apriamo un GIncontro virtuale e discutiamo della questione... guarda che se po fà... Il tema per febbraio: Donne^ Vs Uomini+... Ma sai che si scatena??? L A P O T E O S I --- O-0

      Elimina
    9. Ahhaahhaahha, questo tema è sicuramente da segnare!!!

      Elimina
  10. "Mutiamo per riuscire ad assomigliare il più possibile a noi stessi". In una frase, una grandissima verità. E' un vero piacere leggerti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un vero piacere ritrovarti di tanto in tanto, Viola :))...

      Forte abbraccio!

      Regina

      Elimina
  11. Cambiamenti o mutazioni? Come sempre mi fermo un pò a pensare quando vengo a trovarti. Mutazioni urgenti in atto?
    Cambiare è vivere, e si cambia a prescindere dalla nostra volontà, quindi meglio essere consapevoli e tentare di tenere il timone del cambiamento continuo.
    Mutare per me è diverso, e si realizza davvero poche volte nella vita. E te ne accorgi quando ti guardi e non ti riconosci più.
    Bellissimo post, che ti adoro già lo sai, quindi solo un abbraccio forte e buona muta!
    <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adorazione reciproca, Fabi!

      Ricambio l'abbraccio, stretto stretto! :)

      Regina

      Elimina
  12. Bello! Sono stato invitato anch'io da Squitty a partecipare. Leggendoti mi è venuta un'idea :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WOW sono la musa ispiratrice di un VIPS :D...

      La tua intervista è in lista eh, sono in una settimana un pò piena, ma quando inizio un cammino...

      Felice di averti qui :)

      Elimina
  13. Ciao, sono capitata per caso nel tuo blog, leggendoti mi sono ritrovata proiettata nelle tue emozioni e nel tuo modo di pensare.. Anch'io sono in un periodo di mutazione, forzata e dolorosa....forse alla fine del percorso troverò la vera maturità, quella guadagnata con tanta sofferenza. Io ci spero. Un abbraccio e ...grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna! scusa l'estremo ritardo ma sono stata parecchio assente.
      Nel frattempo sarà passata anche la tua "mutazione"; lo spero, specie se di mutazione sofferente si è trattata.

      Ti ringrazio per essere stata qui. Grazie.

      Regina

      Elimina