venerdì 27 novembre 2015

L'Aeroccino della Felicità

Lo scorso Martedì, la Regifamiglia è partita alla volta del controllo ospedaliero della Piccola – ci muoviamo in blocco, noi, paghiamo il pegno di aver lontani nonni, zii, parenti, amici, vicini di casa che non lavorino tutto il giorno, e la temerarietà di aver comunque desiderato due bimbi a così breve distanza l’uno dall'altra -: niente di grave, per carità, semplici malanni di stagione  che non vogliono passare e che hanno spazzato via anche le ultime tracce di precaria attività onirica notturna, nostre e della Principessa.

In ogni modo, organizzati, traffico, parcheggi, file al ticket, file al controllo, file al bagno per far fare pipì allo Gnomo, file al bar per prendere un paio di panini col prosciutto mentre sempre a lui, allo Gnomo, è partita fissa l’idea della pasta con la marmellata di dinosauro (il pesto) e la frittata di uova di drago con contorno di scaglie di dinosauro bollite (gli spinaci). 
 Fatto sta’ che siamo riemersi dal buco nero della sanità romana che erano passate le tre: i due pargoli (finalmente) dormivano. 
Il Consorte si è stiracchiato e si è acceso una sigaretta, ovviamente l’ho guardato con odio.

Si è avvicinato a carezzarmi una guancia – e a nulla è valso il tentativo di sniffargli un minimo di aroma di tabacco dalla mano.

“Sei stanca, vero?”

No, come ti vengono in mente certi pensieri? Io, stanca? Sono solo sette mesi che non mi godo un sonno che duri più di quarantacinque minuti per volta e che lascio dormire te, perché sono consapevole che non si può andare a lavoro con gli occhi appannati e la mente in letargo. Per non parlare degli ultimi trenta giorni: un delirio. Avevo pure pensato di passare direttamente al doping; ah, già, do ancora il seno a tua figlia, niente caraffa di caffè, niente alcol, niente fumo e niente doping. Rimango comunque una donna dissoluta, non fosse che per i litri di orzo bimbo che riesco a ingurgitare durante tutta una notte. Ma è solo un’illusione, non sono stanca, figurati - (SGRUMFT).

“E’ presto, andiamo al centro commerciale, dai…”

E lì, il mio odio si è cristallizzato, lo ha trapassato all'angolo della bocca, dove stava appesa la sigaretta, ed ha raggiunto la zona laringotracheale fino a tranciargli di netto le amate quanto inutili corde vocali.

“ Andiamo al centro commerciale, ti voglio fare un regalo…”

Un regalo a me, al centro commerciale? Impossibile, detesto in via assoluta i centri commerciali, con tutti i padiglioni e i santi negozi dentro.

Però l’ho seguito, perché alla fine quest’ uomo lo seguo da undici anni e lo seguirò sempre, nel bene e nel male, col bello e col brutto tempo, per deserti assolati e per centri commerciali di martedì pomeriggio. 

Siamo entrati in una di quelle boutique per il caffè – di cui eviterò di svelare il nome o il mio blog finirà per somigliare ad una di quelle trappole mediatiche per la pubblicità occulta – ed ho avuto LUI: il mio personale e fidato Aeroccino: alto quanto basta, longilineo nella forma, armonioso nelle sfumature nere e acciaio, espressivamente intelligente grazie alla capocchia a mò di tocco.

E già che non ne avevo mai visto uno, tanto meno ne contemplavo l’esistenza. Invece adesso mi ci faccio lunghi discorsi; di giorno come di notte; lui sul mobiletto in legno ed io appoggiata al frigo:

“Vedi Aeroccino, io prima di te il latte non l’ho mai bevuto, troppo liquido, troppo bianco, stucchevole nella forma e nel sapore… Sono strana, lo so, imparerai a conoscermi. Però, ora che tu il latte me lo monti così bene, e in pochi secondi, quasi fosse panna, facendolo somigliare ad una nuvola coccolosa ad ammiccante, con l'orzo che ci sculetta in mezzo, io ho scoperto una nuova dimensione; una passione che mi scalda il cuore e lo stomaco. Grazie Aeroccino, per essere entrato nella mia vita. E grazie a quel testone di mio marito che ci ha fatti incontrare. Non ti prometto amore eterno, ma, finché dura, tra noi saranno scintille".



24 commenti:

  1. Una tazza di latte caldo con una giusta aggiunta di rhum o cognac ( finirai di alattare prima o poi no? ) alla sera prima di andare a nanna sono un toccasana per corpo e spirito... Quando vivevo in montagna nelle sere in cui la neve veniva giu come le foglie degli alberi nei viali in autunno, mi mettavo seduto sul davanzale della finestra con la mia tazzona di latte fumante e stavo li ad ascoltare il suono della neve che cade fin oa quando non mi si congelava qualche arto ed ero costretto a rientrare... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lupo tentatore!!! :DD... In questo periodo, pur di farmi un goccetto di rhum, me lo metterei pure nel brodo di broccoli :D... Peró si, il latte col cognac ogni tanto da piccola nonna me l'ha fatto prendere (e poi ancora sto a chiedermi dov'è che ho subito traumi e lesioni alle sinapsi... :DDD)...
      Sì, non so per quale sorta di illusione, ma è sulla neve l'immagine autentica che ho di te, d'altronde un Lupo... ;))

      Elimina
  2. Credo che in questo momento tu stia odiando profondamente Il Lupo... Perché si è vero che prima o poi finirai di allattare, ma è anche vero che qui, ora, quello che lui ti dice ispira istinti omicidi :D
    In ogni caso buona idea questa macchinetta, puoi anche perdonarlo tuo marito per averti portata al centro commerciale :)
    Per la cronaca, io ci andrò oggi con Nico... Ho dei buoni e oggi è il famoso Black Friday... Magari potrò combinare le due cose e fare affari :)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito, sì, il Lupo tentatore... -_-
      Fatti buoni affari, Maira?... :)))
      Ma sai che io ancora non ho ben capito cos'è questo venerdì nero... Mmmmmmmmhhhh...

      Elimina
  3. ma quanto è stato dolce il tuo Amore ....proprio un bellissimo regalo ... ma che caso .... anche a me non piace il latte solo caffè... amaro ... nero ... bollente ...che gorgoglia ancora attraversando la trachea ...ma lo adoro invece schiumeggiante nel cappuccino ...vaporizzandolo con le macchinette o al bar .... allora si che diventa allettante ... e si chiama latte ...come dovrebbe essere .... speriamo che la tua piccola di riprenda presto e anche tu ovvio ... ricordo anche per me i primi sette mesi sono stati un calvario ... ma poi guardandoti indietro sono quelli che annovero tra i momenti più belli .... un abbraccio
    p.s. sei troppo simpatica il sorriso mi scoppia dentro .... baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io li odio i centri commerciali ... saranno pure comodi ... ma sono i principali artefici di una desertificazione dei negozi in c ittà o paesi ....e sono anomini privano le persone di rapporti di contatti ...almeno in quei pochi che ho visitato ...

      Elimina
    2. E AMMAZZO IL
      TEMPO BEVENDO CAFFÈ NERO BOLLENTE... La riconosci, Giusi... ;)
      Hai descritto perfettamente il centro commerciale: io quando ci vado soffro puntualmente e all'improvviso di claustrofobia... :((

      Baci immensi, Giusi cara :***

      Elimina
  4. ce l'ho anch'ioooooooooooo e lo amo profondamente!! Comunque per esperienza diretta ti assicuro che si può andare a lavorare con gli occhi appannati...quindi...SVEGLIALO!! E' giusto che si faccia a turno secondo me...almeno in quei periodi in cui i risvegli sono fissi (e ne sto vivendo uno anch'io..). Un bacio Reginella!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli faccio leggere il tuo commento Serena!... Così impara e inizia a prepararsi, questi uomini pigroni...

      Un bacioneeeee! :***

      Elimina
  5. ce l'ho anch'ioooooooooooo e lo amo profondamente!! Comunque per esperienza diretta ti assicuro che si può andare a lavorare con gli occhi appannati...quindi...SVEGLIALO!! E' giusto che si faccia a turno secondo me...almeno in quei periodi in cui i risvegli sono fissi (e ne sto vivendo uno anch'io..). Un bacio Reginella!!

    RispondiElimina
  6. I Centri Commerciali... croce e delizia!
    Insomma, un bel pensiero da parte di tuo marito... vuoi vedere che il latte tornerà a piacere anche a me, con uno strumento simile?? XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provare per credere ;))
      Felice d'averti qui! :)

      Elimina
  7. ahahhahahahh ma vorrai mica dirmi che sei stanca? Che hai bisogno di qualcosa per stare sveglia?
    Cosa hai da fare in fondo? Allattare la pargola, padare ai pargoli (2 oppure 3, intendo il marito), la casa, il cucinare la spesa....
    Ma daii! Le donne ce la fanno a fare tutto!+
    Eccerto che ce la facciamo. Per forza di cose. Tanto o ci siamo noi o ci siamo noi:
    Vero Regina? Giusi? Malù? A Maira chiederò più avanti :)))

    Coraggio bella. Passa anche questa fase e poi, Giusi potrà confermare magari, non dormirai perchè escono la sera... ahhahahaha
    Bacione!

    ps che bravo tuo marito però!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buuuuuuuu...una vita di corse e di veglie! E tra un pó riprendo pure a lavorare...pensa che cu...ore :)))... Ma ce la faccio! Sono donna e noi donne, come tu mi insegni, Patricia, siamo tempra dura!!! ;))))

      Elimina
  8. Anche a me piace la schiuma di latte, io ne faccio una fermissima con un aggeggio a mano, ma questo attrezzo non lo conosco. Indagherò. Intanto ti abbraccio e spero che la bimba stia meglio e tu riesca a riposare ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che stai in fase rinnovamento, la effe, via l'aggeggio a mano e fatti regalare l'aeroccino elettrico... Fidati fidati, tutta un'altra cosa ;)))

      Ricambio l'abbraccio! Stiamo un pó meglio, ma il sonno scarseggia sempre...pazienza... :))

      Elimina
  9. Ciao, complimenti per il blog molto carino. Sono tua nuova follower se ti va di passare sei la benvenuta....
    www.foodandbeautypassion

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Greta! Passeó senz'altro, e se si tratta di qualcosa di mio interesse, mi fermeró... :))

      Elimina
  10. Ma io ignoravo l'esistenza di questo magico oggetto :O
    Molto bello il racconto delle vicissitudini familiari XD Vedrai che tornerai a riposare presto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Per tutto! Anche per il mega augurio finale... ;)))

      Elimina
  11. Ciao Regina, carino il tuo blog, ma soprattutto è bello il tuo modo di descrivere la tua saga famigliare con ironia.
    Buon e sereno, ma soprattutto riposante fine settimana ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annamaria! Di vero cuore...
      Felice di averti qui e a te un buon inizio di settimana :********

      Elimina
  12. Questa mi mancava...ma ricordo bene la prima parte del post. Il Cucciolo ha nove anni e io ancora non mi sono ripresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco il mio destino...
      Ma se conserveró il tuo humor e la tua capacità di scrittura, Dolcezze, non avró di che lamentarmi ;)))

      Buon inizio settimana!

      Regina

      Elimina