mercoledì 26 marzo 2014

Internet, cosa sei?...

...abbiamo palmari e cellulari, abbiamo la tv satellitare, il digitale terrestre, abbiamo novecentonovantanove canali da guardare alla tv, abbiamo la luce elettrica, il fuoco in una tasca, abbiamo decoder e navigatori, abbiamo email, connessioni ultra-veloci, siamo raggiungibili ovunque e ovunque arriviamo in un millesimo di secondo.
Eppure, non siamo capaci di perderci.

L'essenziale, rimane invisibile agli occhi.

L’ho creduto.

C'è più Amore nel gesto di saluto ad un uomo che chiede l’elemosina, che dentro agli aperitivi di parata per salutare amici in-colori. Anche questo ha a che fare con l'Amore. 

L'Amore è percezione.

L'Amore è sacrificio.

 L'Amore a volte si nasconde nell'ultima sigaretta ceduta a cuor leggero.

Il Tempo, anche quello è Amore, per se stessi e per le persone a cui ci si dedica.

 Non si conosce altro che le cose alle quali si dedica del tempo.

 Ed in questo mare che è il web, io navigo distratta e disordinata, senza tappe fisse, senza programmazione, senza chiedermi troppo, domandandomi solo a cosa possa servire.

Adesso lo so.


Internet non è un fine, e forse neppure un mezzo; a volte è solo un'opportunità: di sorprendersi, di scoprirsi, di chiedersi se oltre a tutto il comunemente visibile, si è in grado di mostrare anche l'Anima. 
Allora forse può valere la pena, navigando, di ammarare nei pensieri di Chi l’essenziale riesce ancora a coglierlo, ed ha occhi per guardare e voce per farti vedere, su di un'Isola Preziosa che Isola non è, ma che di Prezioso lascia dentro al cuore il suo sapore.


Nessun commento:

Posta un commento